Mario Totaro - Ex Oedipo Da Vinci Classics
cover of article Genere: Contemporaneo
Tracklist non disponibile

WG Image CD CHF 25.00

Links

-

Note

Edipo è un nome, è una storia, è un mito con cui è possibile percorrere l’intero tragitto della cultura occidentale, dalla grecità ad oggi. Non solo perché su tale percorso si allineano, in frequente ed incessante successione, numerose opere letterarie, teatrali e musicali, ma anche e soprattutto perché su quella traccia drammaturgica classica si è venuto misurando nei secoli il problema della conoscenza umana del Sé. Riportare ancor oggi sulla scena il racconto di Edipo è un atto di fiducia nella durata della sua parola mitica, nella potente cifra di trasmissione del suo nome e della sua storia. L’idea originaria è stata pertanto quella di creare un nuovo modo di tramandare il mito di Edipo: Ex Oedipo, una tragedia – concerto dove la musica originale di Mario Totaro e le parole di Pietro Conversano si integrano fra loro per dar vita ad un organismo complesso, fluido e rigoroso al tempo stesso. Gli strumenti musicali danno vita ad un gioco serrato, derivato da pochi elementi continuamente variati e in stretta fusione con le tre voci recitanti. Nel testo di Pietro Conversano si parte, come sempre, da un punto, da un pretesto: tra le tragedie greche tramandate, solo quella di Sofocle ha come ipotesi il brano della storia di Edipo che viene qui riproposto: l’Edipo Re, dramma magistrale, dalla costruzione formidabile, che ruota intorno al perfido gioco del “riconosci te stesso”. In questa nuova lettura del mito, Edipo, la madre Giocasta e Tiresia, il profeta cieco, incontrano durante il percorso “a ritroso” nelle loro memorie e nei loro incubi, i testimoni chiave del tragico ed inconsapevole destino di Edipo: il predicatore, un ubriaco, la cartomante, la Sfinge, il vecchio di Tebe. Personaggi che nella tradizione classica vengono appena citati o hanno spazio marginale, ma che, in questa sorta di cammino onirico e nascosto dentro la tragedia, assurgono a ruolo di protagonisti, quasi a divenire i sacri custodi della coscienza vera e segreta di Edipo.