No Strange 2019
Mutter der Erde (Vinile) Area Pirata
cover of article Genere: Psichedelico
Tracklist non disponibile

WG Image LP CHF 39.50

Note

Il combo torinese sembra ormai destinato a scrivere ancora a lungo ricche ed affascinanti pagine della sua storia e di quelle della psichedelia in Italia. Questo album in vinile 180 grammi e con coupon digital allegato, è stampato poi con flipback cover, così come si faceva per gli album che uscivano negli anni '60 in UK. Ma ecco le note di Rossana Morriello, giornalista rock, ad introdurci al nuovo album 'Mutter Der Erde'.

"Mutter Der Erde, Madre della Terra, è il nuovo album dei No Strange, band di culto della neopsichedelia anni '80 che dopo essersi concessa una lunga pausa, è tornata sulle scene nel 2011, incidendo da allora quattro album.

Mutter der Erde è il quinto lavoro dalla reunion e conferma ancora la grande vitalità del gruppo che è capace di reinventarsi ad ogni uscita, con una formazione di volta in volta rimaneggiata attorno al nucleo saldo di Ursus e Ezzu, e il coinvolgimento di ospiti e collaboratori. In questo lavoro ce ne sono molti ed eccellenti, di formazione e provenienza geografica diversa. Intanto, la collaborazione avviata con Jutta Nienhaus, voce degli Analogy, band psych-prog italo-tedesca degli anni '70, ma interrotta dalla sua prematura scomparsa. Il titolo in tedesco è una dedica a lei. Poi con la cantante di origine armena, Rita Tekeyan, per un brano mutuato dalla tradizione canora del suo paese, con parole del poeta Komitas. Due musiciste di estrazione classica come la violoncellista e flautista Simona Colonna e la viellista e violinista Stefania Priotti, si affiancano a Riccardo Salvini e Gabriele Maggiorotto, basso e batteria della giovane band psych rock torinese Indianizer.

Anime diverse che si uniscono in un melting pot culturale e musicale per un album ispirato e intenso, in cui le atmosfere psichedeliche rarefatte lasciano sovente spazio a divagazioni prog, per poi assecondare passaggi rock, e ancora ritornare alle affascinanti atmosfere della musica antica, medievale e rinascimentale, che risultano di incredibile modernità.

Un lavoro polifonico e dalle molte sfaccettature che continua magnificamente quel percorso musicale cominciato molti anni fa e sempre in grado di emozionare."