In the Silence Electric (Vinile - Green Edition) Rocket Records
cover of article Genere: Psichedelico, Rock, Sperimentale
Tracklist non disponibile

WG Image LP CHF 43.70

Note

Tornano Julie’s Haircut con l’ottavo album in studio, il secondo su Rocket Records dopo l’ottimo “Invocation and Ritual Dance of My Demon Twin”.

“In the Silence Electric”, il nuovo disco dei Julie’s Haircut, band che ha alle spalle un quarto di secolo di storia, è degno di nota per il suo sagace equilibrio tra radianza ipnotica e intensità ultraterrena, tra calma beatifica e palpabile rabbia. Eppure è anche un disco che è arrivato attraverso uno strano processo di osmosi da una band sicura di sé al punto da lasciare che gli aspetti del subconscio e metafisici li guidino nelle direzioni giuste. Per tutti questi motivi, il risultato finale è una collezione di brani sicuri e coesi che vedono il profondo diabolismo e l’intensità mantrica del precedente “Invocation and Ritual Dance of My Demon Twin” (Rocket Records, 2017), espanso in un furioso e incandescente splendore. Che sia la magnetica estasi di ‘Lord Help Me Find the Way’, il sinistro stato onirico di ‘In Return’ o l’assalto psichico in ‘Sorcerer’, tutto è incorporato in un'audace singolarità d'intenti, tra una colorata tempesta di monomania elettronica, atonalità jazz e pigli vocali indelebili e memorabili.

La copertina del disco è dell’artista tedesca avanguardista Annegret Soltau, i cui lavori sono dotati di un’ineluttabile grazia e forza. “In un esperimento personale, ho disegnato il mio viso con un filo nero. I primi ad essere colpiti sono stati gli occhi e la bocca, perché non riuscivo a vedere o parlare - la comunicazione è stata distrutta… i dettagli del mio volto sembravano scomparsi, e al tempo stesso, congelati. È stato simile a una mummificazione. Ho preso le forbici e mi sono liberata.”