Làntias S'ard
cover of article Genere: Folk, Musica d'autore, Sardo
1.Nora (feat. Gabriele Mirabassi)
2.Ninna nanna in re (feat. Gigi Biolcati)
3.De arrùbiu (feat. Enzo Avitabile)
4.Làntias (feat. Gabriele Mirabassi, Luigi Lai)
5.Cantu Luxis (feat. Gabriele Mirabassi)
6.Beni
7.Ojos azules
8.Ses andau (feat. Gianluca Pischedda)
9.Ca sa terra est tunda
10.Arenas
11.Serenada (feat. Gabriele Mirabassi)
12.Torrandi

WG Image CD USD 32.20

Condividere

Links

>> Facebook

Note

S’intitola “Làntias” il nuovo progetto discografico di Elena Ledda, frutto di preziose sinergie e collaborazioni che sintetizzano un percorso artistico che spazia dalla Sardegna al mondo.

L’album comprende dodici brani ispirati dalle complesse vicende umane che caratterizzano la società alle soglie del terzo millennio. Un disco intenso in cui musiche e parole viaggiano tra le intricate trame della contemporaneità, senza perdere il legame con le radici.

Storie forti in contesti attuali, che vanno dalle stragi di innocenti in ogni parte del mondo in "Ses andau" e "De arrùbiu", alle tragedie dei migranti nei nostri mari e nelle infuocate sabbie del deserto in "Cantu Luxis" e "Arenas"; alla violenza che esplode nelle relazioni tra uomo e donna in "Bèni". Tematiche che non possono non toccare le corde di un’artista, che sente l’esigenza di fare del proprio lavoro uno strumento di comunicazione attraverso il quale cercare di trasmettere emozioni, dare occasione di rifl essione e, per quanto possibile, indicare piccoli lumi ("Làntias") di speranza. Ma "Làntias" non tralascia i suoni e i colori della festa religiosa popolare, dove si rivivono sogni e passioni con "Nora"; il richiamo alla semplicità e alla saggezza dell’antica civiltà contadina, l’evocazione di padri che fungano da guide e maestri per una più sana esistenza con "Làntias" e "Torrandi"; il gioco tra senso e nonsense in una trascinante fi lastrocca sulla consapevolezza dell’uomo in relazione al suo passaggio sulla terra con "Ca sa terra est tunda".

Un’antologia poetica racchiusa in nove pezzi emblematici, scritti in sardo da Maria Gabriela Ledda (con la partecipazione di Enzo Avitabile per "De arrùbiu") e tradotti in musica da Mauro Palmas, Silvano Lobina e Marcello Peghin, che hanno accompagnato Elena Ledda nel suo intenso cammino e nella sua evoluzione artistica, sul palco come in sala d’incisione.

Impreziosiscono e completano idealmente l’itinerario tra le emozioni tre splendide canzoni d’amore: "Serenada", del musicista galiziano Antonio Placer; la "Ninna nanna in re" di Bianca D’Aponte, omaggio alla talentuosissima cantautrice aversana scomparsa all’età di 22 anni e un celebre canto popolare andino, "Ojos azules".

La produzione artistica del disco è curata da Michele Palmas per S’Ard & Egea e gli arrangiamenti sono di Silvano Lobina. Il progetto artistico ha voluto mettere in risalto il talento e la meravigliosa, incantevole voce di Elena Ledda e il “suono” di un ensemble che dopo tanti anni di musica insieme ha consolidato una propria originale cifra espressiva. In questo contesto si inseriscono i preziosissimi incontri documentati nel disco, con musicisti come Enzo Avitabile, Luigi Lai, Gabriele Mirabassi e Gianluca Pischedda.