More Animals at the Gates of Reason - A Tribute to Pink Floyd AMS
cover of article Genere: Pop Compilations, Progressive
Tracklist non disponibile

WG Image 2 CD CHF 37.70

Links

-

Note

Non un tributo come molti altri, questo ai Pink Floyd edito da AMS Records e distribuito in esclusiva da BTF. Il progetto, dato il numero delle band e dei musicisti solisti coinvolti, ha richiesto oltre un anno di tempo per essere completato, ma i risultati ripagano completamente della lunga attesa. A riproporre sotto una nuova veste i brani dei Floyd – a partire dagli albori di fine Anni ’60 sino all’ultimo 'The Division Bell' del 1994 – sono principalmente artisti italiani (Pandora, Fabio Zuffanti, Conqueror, EgoBand, Archangel, Prowlers, Greenwall e altri), provenienti dal misconosciuto ma foltissimo e florido panorama progressivo della penisola, ma non mancano partecipazioni estere, nelle vesti dell’americano Jay Tausig, dei finlandesi Permanent Clear Light e del supergruppo The Samurai of Prog, che tra le proprie fila annovera Roine Stolt dei Flower Kings e Jon Davison, l'attuale cantante degli Yes! Altra peculiarità del disco, della durata complessiva di oltre due ore riversate su doppio CD, è la scelta atipica dei brani: sono stati volutamente trascurati i grandi classici – 'Wish You Were Here', 'Another Brick in the Wall', 'Money', 'Comfortably Numb' e molti altri – per sviscerare composizioni meno note ma altrettanto importanti, provenienti da album quali 'The Piper at the Gates of Dawn', 'A Saucerful of Secrets', 'Animals', 'A Momentary Lapse of Reason' e 'The Final Cut', praticamente sempre trascurati nei comuni tribute-album. La raccolta, che ha comunque il sapore di un album di inediti, data la capacità degli artisti di far proprie le composizioni dei Pink Floyd, è proposta in formato papersleeve, con un bellissimo artwork-collage che richiama le varie produzioni di Waters & Co. curato da Marco Masoni dei Germinale. Da non perdere! (Fonte: BTF)