L'isola di legno Parco della Musica Records
cover of article Genere: Ethno
1.Preludio
2.Une île en bois
3.Chicken in the Kitchen
4.Tughel
5.Tal Tal
6.Wonala
7.Thiossane
8.Limoncello
9.Si dios fuera negro
10.Simon il gladiatore
11.Stanna
12.Galas
13.Zamba para no morir
14.Alma de povo

WG Image CD CHF 26.90

Links

>> Facebook

Note

Quando l’OPV lavora alla scrittura di una canzone, pensa naturalmente a come funzionerà sul palco.E’ sul palco che questo gruppo si è formato, è cresciuto ed ha costruito il proprio linguaggio. E’ un’isola di legno, la terra promessa, il luogo dove i sogni si realizzano, la patria condivisa da uomini e donne che vengono da ogni parte del mondo. Per questo il disco dell’OPV si intitola così. Ed è per questo che è stato realizzato con l’ausilio del pubblico nella Sala Sinopoli durante tre concerti al Parco della Musica. 'L’Isola di legno' è il risultato di un lavoro che dura da dieci anni ed è la fotografia del nostro percorso musicale sulla forma canzone. I musicisti dell’OPV sono autori ed interpreti di queste canzoni, che parlano di loro e che assomigliano a loro. 'L’isola di legno' è stato concepito e provato nelle confortevoli sale prove del Parco della Musica durante l’anno di residenza artistica. Il talento e l’esperienza di Pasquale Minieri, l’amore e la caparbietà di Pino Pecorelli hanno fatto si che questo gruppo di canzoni, totalmente diverse tra loro, diventasse un disco con un suono e un mondo assolutamente unitario. La sapiente creatività di Leandro Piccioni, anche in questo lavoro, fa in modo che questa band meriti il titolo di orchestra. I musicisti, tutti, fanno in modo che questo disco abbia un cuore da band. Siccome per la prima volta, ed era ora, in un disco dell’OPV c’è una voce femminile, voglio ringraziare per questo l’adorata Sylvie Lewis, sicuro di interpretare la galanteria di tutta l’orchestra. Buon ascolto! (Mario Tronco)