Beautiful 2010
Beautiful Al-Kemi Records
cover of article Genere: Indie, Elettronico, Rock
1.Pow Pow Pow
2.Tarantin
3.In Your Eyes
4.Single Too!
5.Fatiche
6.White Rabbit (Live Master)
7.Suzuki
8.What's My Name?
9.Giorgis
10.Gorilla
11.Flowers
12.I Can Play and I Don't Want To

WG Image CD CHF 25.10

Links

-

Note

Howie B, Luca Bergia, Cristiano Godano, Gianni Maroccolo, Riccardo Tesio - Beautiful è un progetto nato a seguito di un incontro casuale fra i Marlene Kuntz, Gianni Maroccolo e Howie B, nel quale la scintilla della reciproca simpatia ha innescato all'istante la curiosità di immaginarsi insieme a collaborare a qualche musica. Contrariamente a quanto succede in genere in questi casi, alle vaghe promesse del "facciamo qualcosa un giorno insieme" hanno fatto seguito la volontà e la fattività concrete, convogliate in una sessione di registrazione di musiche il giugno scorso, anno 2009. Le sessioni sono state registrate nello splendida cornice del teatro Petrella di Longiano, ed impostate a stimolare e catturare la creatività e l'improvvisazione: strumenti ed amplificatori sempre accesi, registratori sempre pronti a catturare l'istante. Da esse ne è uscito fuori molto materiale esaltante, ed il migliore di esso diventerà a breve il primo album ufficiale in anteprima per l'Italia. La maggior parte di queste sessioni sono state scenografate e riprese da Fernando Maraghini e Maria Erica Pacileo; da queste riprese, e da altro materiale inedito girato appositamente, nascerà un film-documentario molto particolare che affiancherà ed arricchirà l'album. Beautiful è un progetto di ambizioni internazionali, e per questo motivo tutti i cantati di Cristiano Godano sono stati pensati, scritti e interpretati in lingua inglese: la volontà del gruppo è quella di far conoscere ad un pubblico più vasto le sonorità che definiscono il disco, fatte di un connubio molto ben oliato fra l'elettronica dell'esuberante dj/produttore scozzese e le chitarre dei Marlene (Tesio e Godano), senza dimenticare le ritmiche del grande Maroccolo e dell'ottimo Luca Bergia. (Fonte: xl.repubblica.it)