I passeri di fango Quodlibet
cover of article Reparto: Poesia

Descrizione

Il canto «mite e discorde» di Francesco Nappo rappresenta, come è stato detto, un astro solitario all’interno della poesia italiana contemporanea. Tale poesia, infatti, che in lingua o in dialetto non somiglia a nessun’altra, rifugge ogni strumentalizzazione critica. In questa sua terza raccolta, Nappo esprime un’esigenza storica, politica e religiosa – vorremmo dire, in una parola, profetica – che lo conferma come il poeta più inattuale della sua generazione, e per questo forse uno dei più indispensabili. La tensione etica e civile non sembra esaurirsi nella città, ma coinvolge persino la muta natura campestre. Nei versi di Nappo ci sembra di ascoltare una lingua immemoriale, fatta di parole alte, spesso desuete e riappropriate nuovamente, con legami sintattici inediti: ma essa è anche fatta di oggetti preziosi ossidati, conchiglie rotte, ciottoli, e il suo splendore è opaco. Come nella più genuina tradizione della poesia italiana, alto e basso, popolare e aristocratico, miseria e nobiltà si confondono qui nella vera livella della lingua poetica. Se si presta attenzione, pertanto, non sarà difficile riconoscere in questa voce poetica, così colta e originale, la voce impersonale e collettiva del «popolo illetterato di Napoli».
WG Image Book USD 32.20

Condividere

Links

-

Dettagli/Note

Collana: In ottavo / Formato: Brossura / Pagine: 192