Le Luci della Centrale Elettrica - Canzoni ai tempi dei licenziamenti Arcana
cover of article Reparto: Musica

Descrizione

La Terra, l’Emilia, la Luna. Sono tante le immagini che affollano le poesie di Vasco Brondi, cantautore salito al successo nel 2008 grazie a una semplice chitarra acustica e dei testi scarni, originali, inaspettati. Si fa chiamare “Le luci della centrale elettrica” e quello che propone è un progetto complesso e vario, nel quale la voce si confonde con gli oggetti di cui canta: dalle strade sterrate alle centrali a turbogas, dallo schermo luminoso di un pc ai viaggi della speranza nel Mediterraneo, ogni elemento della quotidianità diventa un simbolo potente con il quale leggere la nostra contemporaneità. Partendo dalle canzoni da spiaggia deturpata del primo disco e arrivando alle spiagge di terra, finora l’ultima produzione, questo libro racconta la poesia del cantautore ferrarese e il suo modo di affrontare grandi temi come le migrazioni, il lavoro, la produttività, l’amore ai tempi dei licenziamenti e delle partenze. Attraverso dischi, libri, fumetti e collaborazioni importanti, si descrive l’evoluzione di un progetto vivo e in costante crescita. Indipendente nella sua accezione più profonda, Vasco Brondi è oggi una pietra miliare dei cantautori del Duemila, un artista apprezzato da critica e pubblico grazie a uno stile e a un’estetica tra le più riconoscibili; un grande protagonista della nuova scena musicale italiana e forse, come è stato definito, “il più bravo di quelli nuovi”.
WG Image Libro CHF 24.80

Links

-

Dettagli/Note

Collana: Cantautori del Duemila