Fotoromanzo napoletano Skira
cover of article Reparto: Cinema/Spettacolo

Descrizione

"Il fotoromanzo che avete tra le mani è il grande, tenerissimo racconto della passione popolare. Il modo in cui i nostri bisnonni, i loro padri e i loro figli andavano a piangere della sorte altrui, tenendo presente in ogni singolo istante che era di loro che si raccontava, proprio di loro. Il soldato che è felice di morire per la patria, la dannazione di un amore perduto ma non finito, una malattia impietosa che non tiene conto della devozione. E la famiglia, la terra, il nome: tutti fondamenti di un cuore immenso che non conosciamo più, ma che ricordiamo fin troppo bene."
Dalla presentazione di Maurizio de Giovanni

Maurizio de Giovanni, loro grande conoscitore e narratore appassionato, presenta queste splendide e inedite fotografie che ci raccontano due pagine importantissime della cinematografia napoletana nella prima metà del Novecento: Fenesta che lucive, dove le foto si fanno interpreti privilegiate del celeberrimo brano musicale, nell’epoca in cui è la canzone a dar voce alla pellicola muta, e Dov’è la mia vita, quest’ultimo film ricostruito, come in un vero fotoromanzo, sulla base delle foto di scena, fortunatamente conservate dagli archivi Parisio e Troncone.

I testi di Lucia Di Girolamo ripercorrono con attenzione e ricchezza di dettagli le vicende storiche e archivistiche dei due lungometraggi, sullo sfondo della straordinaria storia d’amore tra Napoli e il Cinema.
WG Image Libro CHF 31.30

Links

-

Dettagli/Note

Collana: NarrativaSkira / Formato: Brossura / Pagine: 96