Baudelaire (e Flaubert) - La carne si fa parola  Novità  Einaudi
cover of article Reparto: Studi letterari

Descrizione

Intorno a questi due geni della letteratura del loro tempo e di tutti i tempi Giovanni Raboni ha speso molti anni del suo lavoro di traduttore e di critico. Ora Patrizia Valduga ha raccolto gli scritti del poeta su entrambi, li ha collegati fra loro e li accompagna con una postfazione che mostra i nodi piú intimi che legano Raboni con uno e con l'altro.

Baudelaire e Flaubert non sono affratellati soltanto dalla data di nascita (1821). Le loro “vite parallele” iniziano dalle loro madri, tutte e due di nome Caroline e tutte e due nate nel settembre 1793; entrambi si iscrissero a giurisprudenza senza mai laurearsi; entrambi furono grandi frequentatori di bordelli e si ammalarono di sifilide; nessuno dei due ebbe figli; furono atei e politicamente reazionari; "Madame Bovary" e "Les fleurs du mal" furono processati per immoralità nello stesso anno, il 1857. Anche se non divennero mai amici stretti, i due si conoscevano, si stimavano e si scrissero alcune lettere (ne sono conservate una quindicina, che vengono riprodotte all’interno della postfazione di Patrizia Valduga).
WG Image Libro CHF 27.40

Links

-

Dettagli/Note

Collana: Fuori collana / Pagine: 128