Camilla, la Cederna (e le altre)  Novità  Bompiani
cover of article Reparto: Biografie

Descrizione

La delusa, la snob, l'eterna bambina, l'ex bellissima. Ma anche Maria Callas, Anna Magnani, Jacqueline Kennedy. La fioraia della Scala e la regina Elisabetta; le pareti nere dell'inventata (ma quasi vera) Contessa de Belminy e la vestaglietta rosa di Licia Pinelli la notte in cui rimase vedova. Le donne di Camilla Cederna sono tante che bastano, da sole, a raccontare un'epoca. E in questa raccolta di articoli pubblicati tra il 1939 e il 1991 emerge anche il ritratto di una cronista al lavoro, che svela trucchi del mestiere ancora attuali: quasi un manuale di scrittura di costume. Sono gli anni in cui nelle redazioni ci sono solo bagni maschili; e in cui i colleghi scrivono di lei che è una "merlettaia", una "zitella", e che difende gli anarchici perché "perlomeno odorano d'uomo". Ma sono anche gli anni in cui solo le giornaliste - come la Cederna così la Fallaci, la Mulassano, la Aspesi, tutte con l'articolo davanti al cognome come una tassa o la cifra di una carboneria - raccontano la rivoluzione più radicale: quella, appunto, delle donne.
WG Image Libro CHF 33.60

Links

-

Dettagli/Note

Pagine: 320