Dalì Tûk Music
cover of article Genre: Jazz
1.Surrealism Suite I
2.Surrealism Suite II
3.Surrealism Suite III
4.Surrealism Suite IV
5.Dalì vs. Disney
6.Subconscious Suite I
7.Subconscious Suite II
8.Subconscious Suite III
9.Subconscious Suite IV
10.Dalì vs. Bunuel
11.Depression Suite I
12.Depression Suite II
13.Dalì all'eternità
14.Dalì vs. Roach

WG Image CD CHF 23.60

Remarques

Per meglio catturare l'essenza irriverente e visionaria di Dalì la musica (si tratta di 14 composizioni originali a firma del leader) si rifrange in riflessi creativi inattesi e sperimentali che superano la forma tradizionale del jazz, alla quale peraltro Bagnoli rimane comunque sempre devoto, per abbracciare orizzonti sonori più ampi e stratificati. Valido supporto alla sua visione arriva da Giuseppe Vitale al pianoforte e Stefano Zambon al contrabbasso, due luminosi talenti, rispettivamente di 19 e 20 anni, entrambi con una solida formazione nel jazz tradizionale ma dotati anche di un fraseggio estremamente moderno.

È lo stesso Bagnoli che ci descrive la figura di Dalì e i tratti che lo hanno affascinato: "Dalì, irritante e affascinante, un mix di pazzia premeditata e recitata, un ego eccessivo non da meno supportato da una sapienza artistica eccelsa. Artista e personaggio giocati in un'alchimia perfetta di autocelebrazione non fine a se stessa, bensì rivolta, come per altre menti che andavano oltre il proprio tempo e le convenzioni omologate, a sconquassare le regole dell'estro umano. Una pittura viscerale e visionaria, un mélange di tecnica perfetta, creativa, anarchica, autoironica, autocelebrativa e rivoluzionaria. Dalì, plasmatore di sogni e incubi, di metafore angeliche e stupefacenti elaborazioni mefistofeliche al servizio di un'agguerrita sapienza imprenditoriale guidata da Gala, moglie-manager-musa, perfetto complemento razionale al suo genio stralunato. Come una frase di Rimbaud crea mille mondi interpretativi, così Dalì fa emergere l'inconscio più profondo ed estremo."