Lomax Lives!  Nouveauté  Caligola Records
cover of article Genre: Jazz
Tracklist non disponible

WG Image CD CHF 22.00

Liens

-

Remarques

Nel 2015 Paolo Botti aveva pubblicato per Caligola «La Fabbrica dei Botti», registrato alla testa di un ottetto. Nello stesso anno, in occasione del centenario della nascita di Alan Lomax, importante studioso di etnomusicologia, il polistrumentista romano, ormai milanese d’adozione, ha registrato per Musica Jazz ventitre tracce, con formazioni che spaziavano dal duo al quartetto, dal trio all’ottetto, raccolte in un disco, «The Lomax Tapes», allegato al noto mensile specializzato. Da qui è nata l’idea di questa registrazione.

Sottolinea il critico Claudio Sessa nelle note di copertina dell’album “…mi pare che Paolo Botti abbia saputo conservare in primo luogo proprio quell’esigenza lomaxiana di varietà individuale, che poi significa autenticità e libertà. In quest’album con la festosa e affiatata Fabbrica dei Botti, il Nostro rielabora una dozzina di temi già apparsi nel disco di Musica Jazz, ma li miscela in ampie suite eseguite con la spontaneità del concerto. A parte alcune riuscite invenzioni dello stesso Botti, sono brani che Lomax aveva documentato pescandoli dai quattro angoli del mondo, una piccola parte di quello sterminato archivio che il grande avventuriero dei suoni ha regalato agli ascoltatori. Fra i quali ci sono appunto Botti e i suoi partner, evidentemente ispirati dal ricercatore statunitense; ed appunto per questo capaci, dopo aver evocato lo spirito e a volte la lettera degli originali, di proiettarsi in esplorazioni sonore di grande fascino. E dunque dallo stesso materiale di «The Lomax Tapes» nasce un lavoro del tutto diverso, che rivela a ogni ascolto nuove sfumature e meraviglie…”.

L’ottetto (in cui il trombettista Gabriele Cancelli prende il posto di Luca Calabrese) è diventato intanto un nonetto con l’aggiunta di Enrico Terragnoli. «Lomax Lives!» è stato registrato in due giorni all’auditorium Candiani di Mestre. C’è il sapore del “live” ma anche quella concentrazione che può esser trovata soltanto in studio. Il risultato è un album allo stesso tempo inteso e godibile.