Ugo Mazzei 2018
Il mondo che vorrai  Nouveauté  Interbeat
cover of article Genre: Musica d'autore
Tracklist non disponible

WG Image CD USD 30.00

Partager

Liens

>> Facebook

Remarques

È molto raro che un sogno intrecciato ad eventi straordinari, possa suggerire l’inizio di un’idea che sfocia in un lavoro finito, in questo caso un viaggio attraverso le canzoni. Ci si è spesso chiesti quale fosse il mondo ideale, quella Shangri-La dove sparire sfuggendo tempo e quotidianità. Ebbene questo, è un disco che rompe gli schemi ortodossi dettati dal momento. Questo è un lavoro anacronistico, o forse meglio “vecchio”, com’è giusto che si dica quando si è in cerca dell’originalità nelle cose. Un “lungomare” di canzoni forti, temi nascosti, aggrappati al mito, al culto fino ad arrivare ad uno stranissimo vodoo presente in: "Annabel (Santeria e santità)". "Il mondo che vorrai", so che è il segreto descritto in: "Il bacio della sera", dove sesso e solitudine si toccano sfiorando la bolla che racchiude l’oblio; saranno sogni lontani, come quando ti baciavo i seni. Ma dov’è la realtà? Dove sono le finte frasi alla portata di tutti? Che fine ha fatto il linguaggio sgrammaticato tanto usato nei supporti digitali? Non c’e’ nulla di tutto questo! Ci sono parole in rima, gite fuoriporta, angoli invisibili, falci che smussano spigoli aguzzi, disertori che rifugiano dentro scantinati, pioggia battente, il vecchio coraggio di chiamarsi ancora amore e quella cura e costante manutenzione della nostra anima. Ma c’e’ pure un momento siculo/napoletano, una canzone appassionata che si disseta con l’ultima goccia di acqua potabile rimasta. C’e’ una cassetta percussiva con dieci suoni e mille effetti. C’e’ Tony Cercola che accarezza buatte e con esse conquista altri mondi. Voglio vivere alla giornata! Spalmare marmellata dolcissima e riempirmi di tutto ciò che di peggio esista per dedicare il mio tempo all’ascolto della gente. Ognuno di noi vive il proprio luogo, perché è il territorio che plasma le idee. Un giorno Mogol mi disse: sai cos’è un artista? È DNA più ambiente!