Hip Hop in Italia - Le origini Nar International
cover of article Genre: Hip Hop
1.Radical Stuff
Let's Get Dizzy
2.Frankie hi-nrg mc
Fight da faida
3.Piombo a Tempo
La lista
4.The Next Diffusion
Dritto dal cuore
5.Ice One
Giorno dopo giorno
6.Radical Stuff
Ontha Run
7.Tempo al Tempo
Dalla parte di Caino
8.Colle Der Fomento
Quello che ti do
9.AMNK
Guardati intorno
10.Speaker Cenzou
L'ultima parola
11.Radical Stuff & Lo Greco Bros
Let's Get Dizzy (Extended Version - From Jazzy Rap Night Live)

WG Image CD CHF 19.90

Liens

-

Remarques

Le radici dell’hip hop italiano risalgono ai primi anni ’90, epoca in cui vengono prodotti i primi brani, dallo stile marcatamente USA e testi in Inglese; è questo il caso del collettivo Radical Stuff (DJ Skizo, Soul Boy, Sean, DJ Gruff, Top Cat e Kaos One, Dre Love) che, con la pietra miliare "Let’s Get Dizzy", guadagna il titolo di precursore italiano del genere.

Nel giro di pochi anni nacquero numerosi altri collettivi, provenienti da tutte le maggiori città italiane; ne sono un esempio i torinesi The Next Diffusion – capitanati dal dj, produttore e ballerino di Breakdance Maurizio Cannavò – che, pur mantenendo il legame con l’hip hop d’oltreoceano (vedi la voce di Afrika Bambaataa in "Dritto dal cuore"), scelsero di comporre con testi in Italiano.

Altre vere e proprie pietre miliari trovano spazio in questa compilation: il primo singolo di Frankie Hi-Nrg MC "Fight Da Faida", il primo album di Ice One – in seguito diventato uno dei migliori produttori dell’Hip Hop made in Italy - B-Boy maniaco, e il primo album dei Colle Der Fomento, uno dei primi esponenti del filone Hardcore Rap.