Il testamento del capitano Eccher Music
cover of article Genre: Folkrock, Musica d'autore
1.Neve su neve
2.Bombardano Cortina
3.Sul ponte di Perati
4.Il testamento del capitano
5.Da Caporetto al Piave
6.Vita di Trincea
7.Sui monti scarpazi
8.La tradotta
9.Ta pum
10.L'alba che verrà
11.Rosso su verde
12.Noi veniam dalle pianure

WG Image CD USD 33.00

Partager

Liens

>> Facebook

Remarques

Un nuovo disco per Il 100° Anniversario della Grande Guerra. Il re del folk-rock torna a interpretare e rivisitare le canzoni della Grande Guerra con il nuovo album: 'Il testamento del capitano' a distanza di 9 anni dal successo di “Quel lungo treno” del 2005, proprio nel centesimo anniversario dall’inizio del conflitto mondiale.

Massimo Bubola riprende e riarrangia, caratterizzandoli profondamente col suo sound e la sua poetica grandi brani tradizionali come: 'Ta pum', 'Il testamento del capitano', 'Sul ponte di Perati', 'Monti scarpazi', 'Bombardano Cortina', 'La tradotta' e propone anche nuove e intense ballate, che nei testi e nelle sonorità riprendono il tema della Grande Guerra come: 'Da Caporetto al Piave', 'L'alba che verrà', 'Neve su neve', 'Vita di Trincea'. Chiudono il disco due intense reinterpretazioni di due memorabili brani scritti da Massimo Bubola sul tema della Grande Guerra: 'Rosso su verde' e 'Noi veniam dalle pianure' cantati dal prestigioso coro A.N.A. Milano, diretto dal maestro Massimo Marchesotti.

In questo grande ed epico album, l’intento di Massimo è doppio, cioè quello di riportare alla visione individuale un importante repertorio corale e di portare contemporaneamente alla coralità nuove sue composizioni, per arricchire una letteratura dei canti di montagna e della Guerra, che in Italia è poco visitata. Questo fa senz'altro dell’album 'Il testamento del capitano' di Bubola un’altra importante tappa innovativa e di respiro internazionale e copre un percorso significativo del lavoro di rivisitazione e riscoperta delle radici musicali e letterarie del folk di area lombardo-triveneta, rivisitato con la sensibilità e l'esperienza di un grande autore, scrittore e musicista, autore di tanti storici brani della canzone italiana e non come 'Fiume Sand Creek' , 'Don Raffaè' e 'Il cielo d’Irlanda'. (Fonte: Self)