Maurice Merleau-Ponty Feltrinelli
cover of article Genre: Filosofia

Description

Il corpo a corpo che Luca Taddio intrattiene con Merleau-Ponty e la sua eredità ci conduce verso una filosofia della relazione: il visibile viene letto come una virtualità dell'Essere, ovvero come una dinamica continua e non esauribile che sul piano epistemologico dà forma ai due poli comunemente noti come "realtà" e "apparenza", ma che sul livello ontologico svanisce sino a scomparire. L'Essere non può che darsi in tutte le proprie relazioni. È da questa specifica angolazione che ci viene restituita l'opera di Merleau-Ponty, attraverso una lettura che rappresenta un punto di ingresso nella filosofia allo scopo di risvegliare il senso che ci orienta e lega alle cose stesse. L'analisi della percezione, epicentro su cui gravitano le principali questioni qui affrontate, si interseca con il piano dell'Essere, mentre il senso dell'apparire viene fatto scaturire dalla nostra inscindibile relazione con il mondo. Tali questioni teoriche vengono discusse attraverso alcuni esempi - tratti principalmente dalla psicologia della Gestalt - dai quali emergono le implicazioni teoriche che regolano il rapporto apparenza-realtà. È da questo metodo di lavoro, vicino a quello di Merleau-Ponty e al suo incessante scavo critico all'interno delle scienze, che Taddio intende restituirci tutta l'attualità del suo pensiero. Una fenomenologia da cui possiamo ricavare alcuni strumenti per interrogare il mondo odierno e le sue trasformazioni. Cosa significa cogliere il senso dell'apparire come una virtualità dell'Essere? Possiamo rileggere le opere di Merleau-Ponty muovendo da questa prospettiva teorica?

Luca Taddio dialoga con Merleau-Ponty attraverso lo studio della percezione a partire da un certo modo di intendere la fenomenologia come punto di ingresso nella filosofia e strumento d'analisi del sapere scientifico contemporaneo.
WG Image Libro CHF 28.40

Liens

-

Détails/Remarques

Collana: Eredi / Pagine: 192