New Trolls 1981
FS VM
cover of article Género: Progressive
1.Il treno (Tigre E 633 1979)
2.La signora senza anelli
3.L'uomo in blu
4.Stelle nelle tue mani
5.Gilda 1929
6.Quella luna dolce
7.Il serpente
8.La mia canzone
9.Strano vagabondo

WG Image CD CHF 23.90

Links

-

Notas

Riedizione 2010 / Concluse tutte le vicende giudiziarie che avevano portato i New Trolls a scindersi in vari filoni e di conseguenza nei relativi gruppi (Ibis, N.T.Atomic System, Tritons, veri e fake, Johnny dei Tritons, ecc.), una volta riappacificatisi col Concerto grosso n.2 e dopo varie ristampe, dischi dal vivo e raccolte, il gruppo genovese non riescone a non farsi coinvolgere dal genere discotecaro (Aldebaran 1978); il cui seguito naturale fu il simil Bee Gees 'New Trolls' del 1979, meglio conosciuto come 'La Barchetta' per la via della sua copertina. Ma nel 1981, con la line-up ridotta da 6 a 4 per le defezioni di D’Adamo (bassista e paroliere) ed Usai (tastierista lanciato verso un’improbabile carriera solista),i 4 rimasti (De Scalzi, Di Palo principale neo bassista, Belloni - a questo punto chitarra solista - e Belleno), in controtendenza con quanto espresso precedentemente, danno alla luce FS, che si contraddistingue prima di ogni altra cosa per il ritorno al concept album. Tema è il viaggio (FS è l’acronimo di allora delle Ferrovie dello Stato Italiane), su un ipotetico treno, e l’incontro con tutti coloro che su quel treno si trovano in veste di viaggiatori. Nel complesso FS è gran bel lavoro, non fosse stato altro per essere tornato ad una forma a noi sì tanto cara nei Seventies, il concept album, e l’abilità nel saper meticciare tanti generi così diversi in un‘unica fatica: dal rock puro e duro al cantautorale, dal classico al reggae, e pur mancando la ciliegina sulla torta, e contestualizzando debitamente il tutto, risulta un ascolto piacevole e nostalgico, certamente uno dei pochi lavori che nell’81 riuscì a farci fremere come pochi altri coevi.