People AlfaMusic
cover of article Género: Jazz
Tracklist no disponible

WG Image CD CHF 25.00

Links

-

Notas

“People” è il secondo album in ambito jazz di Igor Caiazza, illustre professore d’orchestra che ha collaborato in Europa con i più grandi direttori come Muti, Abbado, Boulez, Maazel, Barenboim e Dudamel, e con compagini importanti come l’Orchestre de l'Opéra National de Paris, Orchestra e Filarmonica del Teatro Alla Scala, Orchestre National De France, Wiener Symphoniker, Philhamonia Orchestra di Londra, Mahler Chamber Orchestra.

Un disco (con la prestigiosa partecipazione di Nico Gori a titolo di Special guest) in cui Caiazza conferma tutto il suo amore per il jazz – linguaggio musicale in cui si riconosce libero ed in piena condivisione - e che dedica ai rapporti umani, alla loro particolarità ed importanza: “Ho pensato a quanto la presenza o assenza di un essere umano condizioni la vita di ognuno di noi, e quanto ciò sia importante non solo per il nostro umore, per la nostra serenità, per i nostri sentimenti, ma anche per le nostre ispirazioni. Quando siamo in un luogo, bello o brutto che sia, la compagnia è fondamentale e cambia totalmente la nostra percezione del luogo e delle cose. Fateci caso!”

Compositore e arrangiatore, percussionista classico e jazz dalla carriera di altissimo livello e le molteplici collaborazioni con grandi artisti come Bobby McFerrin, Placido Domingo, Lang Lang, Stefano Bollani, Mika, Zucchero, Elio, Andrea Bocelli, Igor Caiazza arriva a questo secondo album da leader dopo il primo “Blu” (Abeat Records) che ha visto la presenza di grandi artisti come Fabrizio Bosso e Javier Girotto. In ambito orchestrale, diverse le incisioni discografiche con Decca, Sony, Deutsche Grammophone e RAI.

Degli 11 brani presenti in “People”, 9 sono interamente composti ed arrangiati da Caiazza mentre 2 sono omaggi alla propria carriera operistica: “Lʼaria di Pamina”, cantata da Emilia Zamuner, tratta dall’Opera “Il Flauto Magico” di Mozart, e l’Overture da “Lo Schiaccianoci" di Tchaikovsky, brano che Caiazza ha rinominato “Ouverture di Natale”, data la consueta esecuzione del Balletto in occasione delle feste natalizie e che, in quanto Ouverture, apre il disco.