Incroci musicali Da Vinci Classics
cover of article Género: Classico, Contemporaneo
Tracklist no disponible

WG Image CD CHF 24.20

Links

-

Notas

Attraversare le numerose linee musicali che separano il mondo contemporaneo da quello di un passato ed ancor più di un passato remoto non è cosa facile e non è da fare a cuor leggero. Ancor di più se si decide di incrociare queste linee con diverse esperienze culturali e storiche come lo sono state la musica italiana e quella ungherese. Il Quintetto Anemos riesce però in pieno a raggiungere lo scopo realizzando un disco altamente sentito in cui un continuo contraltare viene posto tra diversi autori che arrivano in maniera inedita a dialogare tra loro. Sfilano quindi i Pupazzetti di Casella, in una versione illuminante di Filippo Mazzoli per quintetto di Fiati, insieme alle Five Easy Dances di Denes Agay. Composizioni di rarefatta bellezza come L'antico segreto dei cinque di Salvatore Di Stefano e Nocturnal Awakened di Alessio Elia si raccolgono attorno alle più "piccole" Antiche danze ungheresi di Ferenc Farkas, per arrivare infine all'indomito Perpetuum Immobile di Marco Lombardi. Lavori strutturalmente lontani tra loro che trovano il loro centro unico proprio nella magistrale esecuzione del Quintetto Anemos che segna con questo disco la strada per l’esplorazione di un percorso ancora poco frequentato ed allo stesso tempo dotato di un fascino unico.