Garnet Dusk Seahorse Recordings
cover of article Género: Folk, Musica d'autore
Tracklist no disponible

WG Image CD CHF 25.80

Links

>> Facebook

Notas

Il cantautore Claudio Conti, classe 1981, nasce dalle ceneri di artisti introspettivi come Tim Hardin, Tim Buckley, Nick Drake e Gene Clark. Tutti i testi dei suoi album sono scritti sotto forma di poesia e sono principalmente influenzati da Hart Crane, Robert Creeley, Arthur Rimbaud e Dylan Thomas. Il nuovo disco “Garnet Dusk” è stato autoprodotto dal cantautore, registrato e mixato da Davide Sgualdini. È un album di migrazione e maturità, con pensieri riflessivi creati da situazioni impermeabili ed inevitabili che la vita ci offre.

“Garnet Dusk” (tramonto granata) miscela il suono dell'oceano alla dipartita di una donna. Prova a catturare un incontro inusuale come le navi che passano lentamente nel vespro blu smaltato. Il misticismo dell'amore e dell'affetto riscoperto. La verità negli occhi dei bambini e la mancanza di considerazione da parte dei genitori.Le delusioni, le illusioni delle frivolezze che ci portano lontano da alcune situazioni e ci fanno deviare verso la fermezza dell'intuito, il canale della vita vera in cui scorre l'acqua di cui abbiamo veramente bisogno. “Garnet Dusk” è un fuoco nel cielo che dura pochi istanti ma che concentra l'essenza delle intuizioni, il carpe diem. Poi arriva la notte con le sue ombre gloriose e le sue luci abbaglianti, una bobina per i poeti, un appuntamento segreto per gli insoddisfatti.