Aria (Vinile colorato) Vinyl Magic
cover of article Género: Progressive, Psichedelico, Sperimentale
Lato A
1.Aria

Lato B
1.Vorrei incontrarti
2.La mia mente
3.Un fiume tranquillo

WG Image LP USD 41.90

Compartir

Links

>> Facebook

Notas

Ristampa 2016 / Limited Edition Clear Green coloured LP

Pochi dischi hanno saputo fare breccia in una scena musicale come “Aria” di Alan Sorrenti. Era il 1972, uno degli anni di massimo splendore del Rock Progressivo, e sostanzialmente dal nulla spuntò, fulminante, su etichetta EMI/Harvest tra l’altro, tale Alan Sorrenti, di origini napoletane ma mezzo gallese, dalla parte della madre. Siamo di fronte a un album assimilabile ad altri scintillanti esordi quali quello omonimo del Banco del Mutuo Soccorso, "Storia di un minuto" della P.F.M. o "Arbeit Macht Frei" degli Area.

L’album, va detto, non è di facile assimilazione, in particolare per via dei 20 minuti della lunga suite che occupano l’intero lato A del disco: una specie di flusso di coscienza in musica, con un’alta dose di improvvisazione, specie per quanto riguarda la voce. Quando si parte a livelli altissimi è difficile mantenersi sugli stessi, e infatti Alan Sorrenti non riuscirà più a raggiungere le stesse vette di questo LP, oggi ritenuto un capolavoro di prog italiano e all’epoca, forse con stupore dello stesso artista, incensato dalla critica e conseguentemente dal pubblico. Sorrenti fu in pratica tra i primi ad utilizzare la voce come strumento, ancor prima di Demetrio Stratos nei già citati Area; e fu anche uno dei pochissimi artisti solisti a primeggiare in un mondo, quello del rock progressivo, quasi esclusivamente riservato ai 'complessi'. Tra i vari ospiti, il più celebre è senz’altro il francese Jean-Luc Ponty, il cui contributo al violino impreziosisce la title-track.

Questa ristampa, identica nell’artwork all’originale del 1972, rende nuovamente disponibile in formato LP un titolo che, a dispetto della sua popolarità, è molto difficile da reperire anche nelle più recenti ristampe. Un gradito ritorno, un altro ‘must have’ per gli ascoltatori di prog italiano!

(Fonte: BTF)