Allegra Bravo Records
cover of article Género: Jazz
1.Allegra
2.I colori del lago
3.Francese
4.Aurora
5.La vita scorre
6.Over the Rainbow
7.Latinamente
8.Écoutez mon ami
9.Chim Chim Cher-ee
10.Parigi
11.Mazurka op.68 n.2
12.Ciao
13.Someone to Watch Over Me / Over the Rainbow
14.Allegra (Piano solo)
15.Splendida serata

WG Image CD CHF 22.40

Links

-

Notas

Paolo Jannacci dopo 5 anni si riaffaccia al mercato discografico per, come dice lui,: 'alzare di almeno una tacca il livello culturale...', ed aggiunge: 'cerco di non dimenticare mai chi- come me - ha il privilegio di farsi ascoltare. Chi suona, o comunque crea arte, è profondamente responsabile del proprio impegno culturale e sociale...'. 'Allegra' è un album concepito in un momento d’amore di Paolo verso la figlia. Stilisticamente 'Allegra' è un disco che evolve dal precedente ('Trio'). Il trio jazz di Paolo Jannacci (piano-fisa), Stefano Bagnoli (batteria), Marco Ricci(basso) è molto consolidato ed è attento a dar voce e spazio a nuove sonorità e collaborazioni nei seguenti brani dell’album: 'Aurora' splendido suono di violoncello (Sandro Laffranchini) ed archi pieni e rigorosi dell'Orchestra Concertante di Milano; 'La vita scorre', la chitarra di Bebo Ferra (già sentito con Paolo Fresu Devil Quartet); 'Chim Chim Cher-ee', dall'indimenticabile Mary Poppins, Enrico Intra duetta con Paolo Jannacci creando incredibili sfumature sonore e ritmiche. Il M° Intra ed il M° Jannacci regalano poi un inedito 'Écoutez mon ami' esplorando la purezza della musica e della creazione. 'Parigi', un Paolo Conte rivisto dalla tromba di Marco Brioschi che conferisce poesia e relax al brano. Il trio emana sonorità, lirismo ed intensa poliritmicità. Jannacci sviluppa un autentico interplay con gli ospiti, un rapporto artistico 'palpabile'. Le immagini sono dominanti. Ogni brano è un quadro e si 'sentono' colori precisi (le foto sono di Simone Galbiati). La maturità stilistica di Paolo Jannacci risalta particolarmente ne la 'Mazurka' di F. Chopin e nei brani piano-solo, oltre che nella splendida e sognante 'Over the Rainbow'. Il disco è registrato, mixato e masterizzato rispettando l'eccellenza del supporto tecnologico digitale (un plauso quindi anche a Celeste Frigo, ingegnere del suono). 'Splendida serata', bonus track, scritto e composto da Paolo Jannacci, interpretato da Sergio Cocchi, è una parentesi Jannacciana, una vena di follia che si discosta dal resto del disco (parla di un venditore di maglioni..., sembra suonino gli Earth Wind & Fire...).