La filosofia di un non filosofo - Le idee e gli ideali di Gaetano Salvemini  Novedad  Bollati Boringhieri
cover of article Género: Filosofia

Resumen

Il titolo del saggio di Sergio Bucchi si rifà a un prezioso suggerimento di Norberto Bobbio: la «non filosofia», esibita da Salvemini in polemica col neoidealismo dominante, fu in realtà una filosofia saldamente radicata nella tradizione empiristica o, meglio, secondo la sua stessa definizione una forma di empirismo «disincagliata dai semplicismi e dalle spavalderie degli “illuministi” e dei “positivisti”».

È lo stile di pensiero che si realizzò concretamente in un’interrogazione, mai interrotta, sulla storia e sulla democrazia. Alla metodologia della storia Salvemini dedicò il suo esordio nella carriera accademica, facendone poi il banco di prova delle sue più importanti imprese storiografiche, dal libro sulla Rivoluzione francese alla ricostruzione del difficile cammino della democrazia italiana, tema che l’avvento del fascismo rese ancora più urgente.

Ancora una volta fu la storia a preparare il terreno alla riflessione teorica. Via via che si faceva più stretto l’assedio dei totalitarismi, la difesa della libertà e delle istituzioni democratiche diventava il compito principale cui erano chiamati gli intellettuali; un compito di cui Salvemini seppe farsi pienamente carico negli anni dell’esilio americano, sviluppando una serie di riflessioni che costituiscono uno dei contributi più originali alla definizione del concetto di democrazia.

Più che come la biografia esaustiva di Salvemini – che attende ancora di essere scritta – "La filosofia di un non filosofo" è piuttosto il tentativo, appieno riuscito, di fornire il senso complessivo dell’esperienza culturale e politica di uno dei più originali intellettuali italiani del Novecento.
WG Image Libro CHF 43.40

Links

-

Datos/Notas

Formato: Brossura / Pagine: 320