Quando hai perso le ali  Novedad  Mondadori
cover of article Género: Politica e società

Resumen

I miti sono sorprendenti archivi di psicologia: basti pensare a Edipo, o all'”interpretazione dei sogni”. E il segreto per entrare in quegli archivi consiste nel narrarli.

È ciò che fa Igor Sibaldi in questo libro: nelle storie sacre greche ed ebraiche (da Tantalo fino a Cristo) qui raccontate si rivela infatti una struttura fondamentale della personalità, il rapporto tra l’Io e il Bambino interiore. Senza rendercene conto, però, nel corso degli anni diventiamo adulti rischiando di soffocare la nostra parte geniale e infantile, e tutti i desideri più profondi che animano la nostra esistenza. La loro perdita distrugge ogni senso di originalità e di libertà, e atrofizza quella forza di desiderare e di crescere di cui il Bambino è simbolo. Per portarlo a rinascere è necessario riaffrontare i nostri traumi: il mito ci consente di farlo in modo indiretto riuscendo a dominarli e superarli.

"Quando hai perso le ali?" ci racconta dunque di Dei e di uomini coinvolti in vicende atroci – celeberrime nell’antichità -, storie di genitori che tradiscono i figli e di figli che lottano per non morire, o per rinascere, o che, semplicemente, si arrendono per sconforto o per amore. Sibaldi svela quali furono i sentimenti e le riflessioni di Zeus sul crimine di Tantalo. Racconta perché Minosse costruì il Labirinto, e che cosa provava, lì rinchiuso, suo figlio, il Minotauro, ingiustamente ritenuto crudele e mostruoso. Soprattutto delinea la “terapia” della sindrome del figlicidio nel mito di Demetra, che si ribella all’Olimpo per ritrovare la sua Bambina rapita. Un racconto che indica a tutti la strada per andare alla riscoperta del nostro Bambino interiore.
WG Image Libro CHF 23.20

Links

-

Datos/Notas

Collana: Oscar Bestsellers Misteri / Pagine: 156