Pezzi - Il futuro non ha fretta Autoprodotto
cover of article Style: Hip Hop
1.Intro
2.Pezzi (Guè Pequeno & Rkomi)
3.Al mio fianco (Luchè)
4.Michael J Fox (Tedua)
5.6 a.m. (Izi & Guè Pequeno)
6.Sisinomah! (Rkomi)
7.Si frate (Samuel Heron & DJ TY1)
8.Houdini (Lazza)
9.Equilibrio (Mecna & Coco)
10.Male (Ernia)
11.Egitto (Vale Lambo)
12.Una bella botta (Johnny Marsiglia)
13.Fuck Tomorrow (Rkomi)
14.Dope Games (Noyz Narcos)
15.On Tour (67)
16.On My Case (Paigey Cakey)

WG Image CD USD 29.70

Share

Links

>> Facebook

Notes

A tre anni di distanza da “Zero Kills”, il produttore The Night Skinny è pronto a pubblicare il suo terzo album ufficiale “Pezzi - Il futuro non ha fretta”, in maniera totalmente indipendente.

Per il suo terzo progetto ufficiale, TNS ha rivoluzionato il suo modo di lavorare - da sempre contraddistinto da una grande ricerca - limitandosi all'uso di campioni da YouTube, proprio per rappresentare al meglio lo spirito del futuro che contraddistingue tutto l'album.

Il disco, frutto di un anno di lavoro, vanta ben 16 ospiti, tra nazionali e internazionali, equamente divisi tra chi la storia del rap italiano l'ha fatta e chi la farà. Sui tappeti musicali di The Night Skinny, infatti, si destreggiano artisti di ogni calibro, da pietre miliari del rap come Gué Pequeno, Noyz Narcos, Luché e Mecna, fino a chi da qualche anno ha cambiato le carte in tavola nel rap game, come Rkomi, Tedua, Lazza e Samuel Heron, passando per la cantante e MC inglese Paigey Cakey, che vanta collaborazioni con artisti del calibro di Stormzy, Sneakbo e Chip, e i 67, crew inglese già apparsa su Noisey US e Complex, gruppo rivelazione per quanto riguarda il drill, freschi di collaborazione con il produttore inglese Mura Masa.

Il disco vuole essere una precisa panoramica sulle tendenze che stanno attualmente conquistando la sempre più viva scena rap italiana, senza andare a incidere il suono che ha contraddistinto TNS nel corso della sua intera carriera.

La versione “classica” conterrà il disco con una fanzine, interamente scattata da Vladimir Milivojevich, in arte Boogie, artista serbo.