Skiantos 1978
Monotono (Vinile) Spittle Records
cover of article Style: Demenziale
A
1.Eptadone
2.Panka rock
3.Pesto duro (I kunt get no satisfucktion)
4.Diventa demente (La kultura poi ti cura)
5.Io me la meno
6.Bau, bau baby

B
1.Io sono uno skianto
2.Io ti amo da matti (Sesso & karnazza)
3.Vortice
4.Massacrami pure
5.Largo all'avanguardia
6.Ehi, ehi, ma che piedi che c'hai

WG Image LP CHF 28.40

Notes

Ristampa 2010

Freak Antoni – leader indiscusso degli Skiantos – riceve il Premio Tenco nel 2010, a suggello di una carriera incredibile, che lo ha visto protagonista con uno dei gruppi simbolo del rock italiano. Spesso etichettati come formazione rock-demenziale, gli Skiantos sono in realtà un’eccezione alla regola. La ristampa del loro secondo album è così un viatico per comprendere quanto la materia rock sia divenuta strumento nelle mani della formazione bolognese, che lontana da ingombranti referenti inglesi e d’oltreoceano sceglie la strada dell’originalità. Quella carica giovanilista e spregiudicata, unita alla personalità dei grandi pensatori ne farà un manifesto, spesso discusso, ma destinato a mantenere una perentoria importanza nel corso degli anni. Il montaggio di copertina, con l’enorme dinosauro che scuote le fondamento di un edifico, è la testimonianza di un ironico ma pungente attacco alle istituzioni. Che si traduce in una musica che mantiene sottotraccia le migliori mosse dei cantori off italiani, unitamente ad un suono che studia l’eretica dialettica del coevo punk. Il disco usciva nel 1978 per Cramps, non sembra nemmeno esser passato un giorno...