Jòmene e jòmene Controversi
cover of article Style: Folk, Musica d'autore
1.Cènere
2.Dall’Amèriche
3.‘A nascite de vènere
4.'U vènte de Villa Pamphilj
5.L’operèje d’u vendunèsime sicule
6.‘I pruvèrbije
7.‘U scrittòre còntre
8.N’dréte au pèdre
9.Gìne ‘u pàzze fatìje au giurnèle
10.C.B.
11.L’òme l’uére
12.Fiète p’u ciécle

WG Image CD CHF 27.70

Links

-

Notes

Luca De Nuzzo cantautore pugliese, San Severo (FG), romano di adozione da quasi dieci anni, opera verso una linea che non conosce confini, canta nel suo dialetto per lasciare solo al linguaggio dell’emozione lo spazio che merita e che spesso non trova... Il suono del dialetto sanseverese che emana il clima del Gargano, il sole e il vento del Tavoliere, mette in contrasto le buie verità della gente, la gente cosiddetta per bene, dando così più rigore e voce alla gente di campagna, alla gente degli immensi campi di grano della Puglia settentrionale. Il nuovo disco di Luca De Nuzzo è intitolato 'Jòmene e jòmene' ('Uomini e uomini'): 12 brani in dialetto di San Severo (FG) dedicati a temi importanti e sempre attuali (il mondo del lavoro, le morti bianche, l'amore) e a figure emblematiche della nostra cultura come Gaetano Bresci, Pier Paolo Pasolini, Carmelo Bene, Roberto Saviano; 11 brani originali e un omaggio al grande cantastorie Matteo Salvatore. 'Jòmene e jòmene' è un disco raffinato, orchestrale, curato nei minimi dettagli come un oggetto di artigianato: 'Una scala di legno nell'epoca degli ascensori' (D. Selvaggi, note di copertina). Per questo lavoro Luca De Nuzzo si è avvalso della collaborazione di Javier Girotto (Aires Tango), Raffaella Misiti (Acustimantico) e Andrea Satta (Têtes de Bois). Il cantautore pugliese, già vincitore del Premio De André nel 2004, da molti anni ormai porta avanti una linea artistica che vede nel dialetto la possibilità di riappropriarsi delle radici culturali senza doversi distaccare dalla modernità dell'evoluzione del linguaggio musicale: il dialetto come lingua capace di fornire maggiori sfumature e significati, inserito in un contesto musicale lontano dalla cosiddetta musica popolare ma più vicino alla migliore espressione della musica d'autore.