Mare Nostrum ACT
cover of article Style: Jazz
1.Mare Nostrum
2.Principessa
3.Eu nao existo sem voce
4.The Seagull
5.Que reste-t-il de nos amours?
6.Years Ahead
7.Sonia's Nightmare
8.Chat pitre
9.Valzer del ritorno
10.Open Your Mind
11.Liberty Waltz
12.Mio Mehmet, forse il destino m'impedirà di rivederti
13.Ma mère l'oye
14.Para Jobim
15.Varvindar friska

WG Image CD CHF 30.50

Links

-

Notes

Il Mediterraneo come luogo di incontro di popoli e culture diverse, ma anche come punto di partenza per esplorare territori sconosciuti. Sembra essere questa la metafora che sottende 'Mare Nostrum', album della Act che vede l’esordio di un inedito trio formato da tre dei più importanti musicisti europei: Paolo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren. Sardegna, Provenza e Svezia – tromba, accordeon e pianoforte – tre mondi che si incontrano in un album dalle sonorità intriganti ed originali. Partendo dal presupposto che il jazz non può fare a meno di aprirsi e confrontarsi con altre culture musicali, il trio presenta un gran numero di melodie provenienti da tradizioni e stili differenti. La canzone francese (rappresentata da un brano immortale di Charles Trenet), il folklore svedese, l’espressionismo di Maurice Ravel, gli standards brasiliani di Tom Jobim e Vinicius De Moraes, così come le composizioni originali, si fondono in un’esperienza sonora unica e affascinante. La varietà e la ricchezza di questo album, che si sarebbe potuta trasformare in una confusione incoerente, si trasforma invece, nelle mani sapienti di questi tre musicisti, in un’invenzione di grande fascino ed armonia. Il risultato è una miscela di jazz con una sfumatura di contemporaneità che forse ci offre l’immagine di un futuro prossimo; un futuro in cui il jazz, e tutto il suo mondo, si rigenera e si rivitalizza attraverso un dialogo intimo e genuino con altre esperienze musicali. Sembra davvero incredibile che questi tre artisti, di solito così impegnati nei loro progetti solisti e nelle loro collaborazioni storiche, abbiano voluto iniziare un’avventura musicale completamente nuova. Deve essere stata una tentazione molto forte, per questi tre maestri continentali, dar vita ad una collaborazione così audace e formare questo trio così inusuale, e possiamo dire, senza ombra di dubbio, che la loro è stata una scommessa vinta.