Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici Terra Santa
cover of article Subject: Politica e società

Overview

Quanto contano oggi i cattolici in politica? Ma soprattutto, quanto conta la politica per i cattolici?

Tra cattolici e politica non è mai stata luna di miele. Eppure oggi, più che in passato, il mondo cattolico sembra essere diventato terreno fertile per le scorribande di uomini di potere pronti a strumentalizzarlo trascinandolo su posizioni lontane dal Vangelo.

Dall’ostentazione dei simboli cristiani per catturare consenso alla fine dell’unità politica dei cattolici, dalla politica razionale alla politica emozionale, dalla volatilità del voto all’astensionismo, nulla sembra far presagire il ritorno del «moriremo democristiani». E questo è certamente un bene per Fabio Pizzul, che in pagine ricche di spunti e sollecitazioni si chiede: quanto contano oggi i cattolici in politica? Ma soprattutto: quanto conta la politica per i cattolici? Se i cosiddetti “atei devoti” si fanno paladini di valori non negoziabili, il rischio per i cosiddetti “cattolici democratici” è di ridursi a una minoranza inattuale, conservatrice e non più comprensibile, che insiste sui soliti temi, barcamenandosi fra un Family Day, un Vaffa Day e un ritrovo delle Sardine.

L’ormai innegabile marginalità dei credenti nel rapporto tra cattolicesimo e politica apre per l’autore prospettive nuove, tutte da esplorare. E il tema, tornato recentemente alla ribalta, continuerà a infiammare il dibattito: dai mass media ai social, dai partiti ai movimenti, dalle parrocchie alle più alte gerarchie.
WG Image Libro CHF 26.00

Links

-

Details/Notes

Pagine: 160