Poesia e pubblico nella Grecia antica - Da Omero al V secolo Feltrinelli
cover of article Subject: Studi letterari

Overview

“La poesia greca fu un fenomeno molto diverso dalla poesia moderna per contenuti e modi di comunicazione”

Se è vero che le teorie possono essere intese come tentativi di soluzione di problemi, possiamo tranquillamente affermare che la teoria dell’oralità offre la chiave per introdurci nel vivo e concreto problema pertinente alla funzione sociale e culturale della poesia greca da Omero al V secolo a.C. In questa chiave di lettura si rivaluta il ruolo determinante del destinatario e, in relazione con esso, si enucleano i presupposti teorici e i diversi procedimenti formali, simbolici e pragmatici del fare poetico; di qui l’attenzione costante al ruolo della memoria – in quale misura il singolo utilizzava le formule e gli stilemi della tradizione poetica e come li modificava –, al rapporto del poeta con il committente e il pubblico e, infine, alla posizione dell’intellettuale entro i condizionamenti sociali ed economici del tempo. Un’operazione critica, dunque, che, fondando il suo criterio di analisi su scienze particolari, quali la filologia, la linguistica, l’antropologia e la sociologia, ha come scopo precipuo quello di capire in concreto la mentalità dell’uomo greco arcaico, le sue strutture linguistiche, le sue categorie mentali, i contenuti e le forme del suo pensiero e della sua arte.” (dalla Prefazione) Questo libro ha vinto il Premio Viareggio nella sezione saggistica.
WG Image Libro CHF 30.50

Links

-

Details/Notes

Collana: Universal Economica Saggi Rossi / Formato: Brossura / Pagine: 480