Lasciare un segno nella vita - Danilo Montaldi e il Novecento Viella
cover of article Subject: Studi letterari

Overview

Danilo Montaldi (1929-1975), cremonese, è stato uno dei personaggi esemplari nell’Italia del dopoguerra, intellettuale e militante marxista, e attento come pochi alla realtà della classe operaia. I suoi interessi spaziarono dalla sociologia all’antropologia, dalla storia alla letteratura, all’arte, dalla politica al sindacato. Muovendosi nella Bassa padana a stretto contatto con una bella generazione di militanti, educatori, ricercatori, dedicò alla sua storia e alla sua cultura le bellissime "Autobiografie della leggera"; raccolse le esperienze di vita dei "Militanti politici di base" e studiò la storia del nostro comunismo, occupandosi più del destino della classe che di quello del partito. A Parigi – l’altro polo della sua esperienza – fu decisivo il dialogo e lo scambio con Socialisme ou Barbarie e i suoi esponenti come Morin, Castoriadis, Lefort. Importante anche il contatto con il gruppo della rivista «Esprit», come pure con il sindacalismo cattolico e “personalista”. Nelle lotte del ’68-69 è stato un punto di riferimento per molti. E tanti lo considerano, insieme a Rocco Scotellaro (al Sud) l’incarnazione più convincente della figura dell’“intellettuale organico” sognata e teorizzata da Gramsci.

Questo volume, oltre ai saggi sulla sua vita e la sua opera, contiene anche un saggio biografico della vedova Gabriella Seelhorst e, in appendice, lo scritto di Danilo Montaldi "Su alcuni paesaggi".
WG Image Libro CHF 45.30

Links

-

Details/Notes

Collana: Alia / Formato: Brossura / Pagine: 220