Art Is a Cat Schema Records
cover of article Stil: Ambient, Elettronico, Jazz, Soul, Trip Hop, Downtempo
1.Nobody Knows
2.When You Died (feat. Sean Martin)
3.Ohm and Raga
4.Little Girl (feat. Rahma Hafsi)
5.Astratto
6.Art Is a Cat (feat. Beatrice Velasco Moreno)
7.Alli guai
8.Carpet of Green (feat. Georgeanne Kalweit)
9.Summer Blues
10.Sweet Love (feat. Beatrice Velasco Moreno)
11.Nella sua loca realtà (feat. Lola Kola)
12.Ghosts
13.Two Thousand Parts (feat. Sean Martin)
14.Mare della tranquillità
15.Teach Me to Dance (feat. Beatrice Velasco Moreno & Sean Martin)
16.Intreccio
17.No Frame (feat. Georgeanne Kalweit)
18.I Love You
19.She Says I'm Bad

WG Image CD CHF 31.10

Bemerkungen

“Art Is a Cat” è l’ottavo studio album di The Dining Rooms - tredicesimo se si contano i cinque album di remix e rework - in oltre vent’anni di carriera. Esce a distanza di cinque anni dallo strumentale “Do Hipsters Love Sun (Ra)?”, e si propone come nuova pietra miliare nel percorso artistico del duo milanese formato da Stefano Ghittoni e Cesare Malfatti.

“Art Is A Cat” infatti racchiude in sé tutte le molteplici sfaccettature della musica dei Dining Rooms e conserva tutte le caratteristiche del loro tipico trademark: canzoni in bilico tra folk e soul, dilatazioni dub, hip hop strumentale ed atmosfere cinematiche. Per non rinunciare a nessuno di questi aspetti, Stefano e Cesare hanno deciso di non sacrificare nulla, scrivendo e producendo un album di ben 19 brani per circa 60 minuti di durata.

“Art Is A Cat” ospita inoltre una nutrita schiera di cantanti, complici nella scrittura dei testi, tra voci storiche e assolute novità; le parti vocali sono inframezzate dai classici strumentali della band, downtempo visionari dall’indole funk e micro-song più sperimentali. Tornano quindi Sean Martin e Georgeanne Kalweit con due canzoni ciascuno, mentre tra le new-entry abbiamo l’italo-tunisina Rahma Hafsi, la giovanissima italo-salvadoregna Beatrice Velasco Moreno (che interpreta in coppia con Sean ai cori lo spoken word 'Teach Me to Dance' e Lola Kola, regina di Tropicantesimo. Chiudono la rassegna delle parti vocali due episodi in cui Stefano rispolvera il suo passato di cantante negli anni ’80 con Peter Sellers & The Hollywood Party, interpretando l’indianeggiante 'Ohm and Raga' e la ballata esistenzialista 'She Says I’m Bad'.