Pictures at an Exhibition (Vinile) AMS
cover of article Stil: Progressive
Side A
1.Promenade
2.The Gnome
3.Promenade ("Lead me from tortured dreams")
4.Il vecchio castello
5.Bydto
6.Promenade (Tranquillo)
7.Балетъ невылупившихся птенцовъ
8.Samuel Goldenberg and Schmuÿle

Side B
1.Limoges, le marché (La grande nouvelle)
2.Catacombae (Sepulcrum romanum)
3.Con mortuis in lingua mortua
4.Promenade (Allegro giusto)
5.The Hut of Baba Yaga
6.The Great Gates of Kiev

WG Image LP USD 43.40

Empfehlen

Links

>> Facebook

Bemerkungen

Nel 2016 l'esordio dei Winstons giunse come un fulmine a ciel sereno nel panorama rock italiano, e fece quasi gridare al miracolo, riuscendo nell'impresa di unire due mondi musicali spesso considerati agli antipodi, l'indie e il rock progressivo; il mix di sonorità canterburiane (Soft Machine in primis) e psichedeliche (The Doors e The Beatles su tutti) offerto da questo nuovo trio risultò infatti essere davvero particolare e originale.

Ma ancor prima dell'omonimo debutto i Winstons avevano già offerto dal vivo nel novembre 2015 la propria personale rilettura di "Quadri da un'esposizione" del compositore russo Modest Petrovič Musorgskij. Oggi, quell'operazione è immortalata su disco, rinnovando dunque il sodalizio tra AMS Records e il trio di Enrico Gabrielli (tastiere, fiati), Roberto Dell'Era (basso, voce) e Lino Gitto (batteria, voce).

Un titolo come "Pictures at an Exhibition" e il termine 'prog' non possono che rievocare l'omonimo LP degli Emerson, Lake & Palmer, e infatti non mancano punti di contatto con il celebre gruppo inglese; ma c'è di più in questa release, grazie in particolare al violino di Roberto Izzo e alla presenza di Roberto De Gennaro (vibrafono, percussioni), che collabora con Enrico Gabrielli al progetto Esecutori di Metallo su Carta (EdSmC) e costituisce l'anima 'contemporanea' e avanguardistica di questo lavoro.

"Pictures..." non è eccezionale solo nell'aspetto musicale, ma anche in quello grafico, grazie alla meravigliosa illustrazione realizzata da Jessica Rassi nel suo studio The Giant's Lab.