Il sole non sa su cosa splende Incipit
cover of article Stil: Musica d'autore
1.Il sole non sa su cosa splende
2.Vescovalzer
3.Questa pioggia d'aprile
4.Segui la tua beatitudine
5.Forse ti ho deluso un pò
6.Piccolo ribelle
7.Paulette
8.La bocca di Joe Cluster
9.Les anges
10.In questi giorni vuoti
11.Ciao Torino
12.Vega
13.La vergine degli angeli

WG Image CD CHF 25.00

Links

-

Bemerkungen

Sono un musicista nato in una famiglia di suonatori e suonati, un cantante e pianista che ha frequentato vari generi musicali. Da ragazzo mi chiudevo in camera ad ascoltare, a volume assordante, le cantate di Bach e le canzoni di Bowie, non trovandoci nessun conflitto. Ho suonato e cantato in vari gruppi rock e new-wave che nascevano nei primi anni ’80 nella mia città, Torino. Ho studiato in conservatorio e mi sono appassionato alla musica francese a cavallo fra ‘800 e ‘900 e in particolare ad Erik Satie, autore di cui ho amato l’umorismo, l’intelligenza e la pazzia. Ho fatto molti concerti e varie incisioni discografiche e sono andato vicino a fare della musica una vera professione ma la vita mi ha portato su altre strade. Una certa spinta propulsiva che credevo defunta si è all’improvviso risvegliata donandomi fresche ed inaspettate energie: ho incontrato le persone giuste con cui collaborare trovando la giusta dimensione per la mia musica che è un po’ in bilico fra generi diversi. Poi avrei anche la presunzione di avere qualcosa da dire e questa è una malattia piuttosto diffusa e per la quale non esistono terapie, è un canto delle sirene a cui difficilmente si sfugge. Faccio parte anch’io di quella moltitudine per cui l’arte è quel richiamo a cui si risponde senza essere chiamati…

“Il sole non sa su cosa splende” è una raccolta di canzoni composte da me ed arrangiate da Fulvio Chiara. Il titolo rimanda ad un brano che è un po’ il paradigma di tutta la raccolta: è come se osservare le cose da molta distanza ci desse una chiarezza di visione che - alla fine - non esiste. Non esistono risposte facili e soprattutto non esiste una chiara definizione di cosa sia l’esistenza: la filosofia e la scienza ci aiutano ma dobbiamo imparare ogni giorno a trovare delle soluzioni adeguate alle nostre esigenze che cambiano continuamente. Le religioni costituite hanno fallito totalmente nel loro intento dichiarato e sono state spesso strumento di guerra anziché di pace. Quello che sembrava scritto nelle tavole della legge fino a poco tempo fa può non essere più vero oggi e quindi deve necessariamente cambiare: ognuno di noi può e deve trovare le risposte che ci servono per vivere nel modo migliore possibile. Questo sentimento - declinato in vari modi - ha ispirato i testi di tutte le canzoni e la scelta dell’immagine di copertina. Mi è successo di vivere intensamente e poi di raccontare. Spesso avviene il contrario.

Davide Bassino