Beppe Fenoglio e la Resistenza Edizioni dell'Asino
cover of article Genre: Studi letterari

Inhalt

a cura di Cesare Pianciola
prefazione di Alberto Cavaglion
con un saggio di Gabriele Pedullà

...Quando io entrai in classe notai subito uno studente nel primo banco con le braccia incrociate che guardava annoiato il foglio bianco. Era Beppe Fenoglio. Lo invitai a scrivere, ma scuoteva la testa...

Cinquant’anni fa, il 22 settembre 1970, moriva Pietro Chiodi, docente di Filosofia della storia all’Università di Torino. Nel 1939 aveva ottenuto una cattedra di storia e filosofia del liceo classico Giuseppe Govone di Alba, nel quale insegnò per 18 anni. Qui divenne intimo amico del collega di lettere Leonardo Cocito, ucciso dai nazifascisti nel 1944, ed ebbe tra i suoi allievi il futuro scrittore Beppe Fenoglio. È autore del diario partigiano Banditi (la cui prima edizione uscì nel 1946) e la sua visione filosofica è ora raccolta in Esistenzialismo e filosofia contemporanea (2007). Tra i suoi scritti più belli, i tre che qui riproponiamo: su Beppe Fenoglio, su Leonardo Cocito e sull’orgoglio di Chiodi per aver partecipato alla Resistenza. “Forse – scrisse il filosofo – per vivere bisogna dimenticare, ma certamente per capire bisogna ricordare”.
WG Image Libro CHF 18.80

Links

-

Details/Bemerkungen

Pagine: 80