Prigionieri, internati, resistenti - Memorie dell' "altra Resistenza" Laterza
cover of article Genre: Storia

Inhalt

600.000 italiani rifiutarono di aderire alla Repubblica sociale di Mussolini dopo l’8 settembre. Furono trasformati in lavoratori coatti da Hitler e oltre 50.000 persero la vita.Protagonisti del primo ‘referendum antifascista’, questi italiani hanno sempre fatto fatica a trovare un riconoscimento nella memoria della guerra e della Resistenza e in questi ultimi anni sono diventati un oggetto di contesa politica. Di recente hanno preso a essere più considerati – dalle istituzioni, dalla retorica celebrativa, da un certo associazionismo – ma solo come prigionieri maltrattati: il loro no al fascismo di Salò ne risulta quindi depotenziato di ogni valore morale e politico. Sono tornati a essere dei prigionieri e non dei ‘resistenti senz’armi’.

Il libro ricostruisce questo cambiamento: dal silenzio al riconoscimento, alla retorica celebrativa e al depotenziamento morale e valoriale. Documenta come l’Italia della seconda repubblica sia anche un tempo di contese memoriali, un tempo nel quale la Resistenza rischia di finire accantonata.
WG Image Libro CHF 31.20

Links

-

Details/Bemerkungen

Collana: Biblioteca Universale Laterza / Pagine: 312