Socialismo utopico, socialismo possibile Quodlibet
cover of article Genre: Politica e società

Inhalt

La proposta teorica e politica di una società ancora sempre da costruire secondo la prospettiva di un “individualismo sociale”: utopica riguardo agli obiettivi finali, pragmatica nelle decisioni collettivamente vincolanti e nelle scelte della vita di ogni giorno.

Si può osservare oggi, in America come in Europa, un ritorno d’interesse per il socialismo, sia sul piano teorico sia su quello politico. La tesi del libro è che il socialismo non perde affatto in consistenza e rapporto con la realtà se il proprio statuto concettuale assume l’aspetto di un movimento dalla scienza all’utopia (in maniera inversa, quindi, a quello proposto da Engels nel suo L’evoluzione del socialismo dall’utopia alla scienza). Anzi, ci guadagna nella possibilità di un adeguamento alla realtà, per quanto catastroficamente disperante questa possa apparire, presentando se stesso, paradossalmente, come una prospettiva irrealizzabile nella sua integralità, ma che proprio per questo ha ricadute nel presente modificandolo.

Messa da parte l’idea di un rovesciamento rivoluzionario – per il quale non s’intravede più il motore in una classe sociale come quella a suo tempo individuata da Marx –, una fuoriuscita dalla forma di vita capitalistica consisterebbe in un cammino a piccoli passi, nel progressivo avvicinamento a un orizzonte mobile, che nel libro è descritto come un processo federativo di gruppi e individui tra loro solidali all’interno di un conflitto sociale democraticamente dispiegato e capace di porsi di volta in volta obiettivi politici.
WG Image Libro CHF 22.70

Links

-

Details/Bemerkungen

Collana: Elements / Formato: Brossura / Pagine: 144