Cinema Italia - I film che hanno fatto gil italiani  Neuheit  UTET
cover of article Genre: Cinema/Spettacolo

Inhalt

Nel 1914 esce "Cabiria", forse il più grande kolossal della storia del cinema italiano. La trama, in teoria, dovrebbe ricostruire l’epico scontro tra Roma e Cartagine, ma l’estetica orientaleggiante e liberty dell’epoca, con tanto di Gabriele D’Annunzio alla sceneggiatura, racconta facilmente in controluce il presente di quell’Italia desiderosa di guadagnare visibilità e credibilità internazionale.

Come spiega Giovanni De Luna in "Cinema Italia", di fronte a "Cabiria" lo storico finisce per «aggirarsi tra quelle immense scenografie, fiutando non l’aria del iii secolo a.C. ma quella carica di odori e di miasmi pestiferi del primo Novecento, di quella incredibile e paradossale stagione in cui stava finendo l’Ottocento e fragorosamente e maledettamente stava nascendo il terrificante xx secolo».

Parte da qui il percorso affascinante di uno storico che utilizza i film come documenti del periodo in cui venivano realizzati, dei gusti del pubblico e della temperie culturale, avvicinandoci così a un’inedita lettura del modo in cui il cinema ha contribuito a “fare gli italiani”. I film, infatti, spesso sono lo specchio di un presente in procinto di farsi storia: l’immediato dopoguerra di "Ladri di biciclette", i primi venti del boom di "Un americano a Roma", la lotta sociale de "La classe operaia va in paradiso", ma anche l’edonismo pre Mani pulite di "Yuppies" o "Vacanze di Natale". Ma non solo, perché in molti casi proprio il cinema, arte nobile e popolare insieme, ha voluto farsi a sua volta strumento di indagine storica, che fosse propaganda di stato o contestazione intellettuale: per ogni "Cabiria" ci sono stati moltissimi "La grande guerra", "Una giornata particolare", "La notte di San Lorenzo", "La meglio gioventù"…

Mescolando alto e basso senza timore, e con qualche sortita nel cinema straniero, Giovanni De Luna ricostruisce la storia del nostro paese per come l’abbiamo vista, o meglio, voluta vedere al cinema noi italiani, che fossimo di volta in volta sceneggiatori, registi o solo semplici ma appassionati spettatori.
WG Image Libro CHF 38.30

Links

-

Details/Bemerkungen

Formato: Cartonato con sovraccoperta / Pagine: 336