Il sorpasso - Versione restaurata

17.04.2018

di Dino Risi

con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak

Ferragosto, 1962. Una Lancia Aurelia Super compressa sfreccia in una Roma assolata e quasi deserta. Alla guida c'è Bruno Cortona (Vittorio Gassman), bon vivant di lungo corso che ha mancato un appuntamento con gli amici. Per non trascorrere il dì di festa in solitudine, Bruno aggancia Roberto Mariani, studente di legge che medita di riservare la tranquillità della giornata ai libri. In un viaggio che li condurrà da Roma a Grosseto fino a Castiglioncello e sulle spiagge della Versilia, Roberto verrà contagiato dall'energia ciarliera e un po' gaglioffa di Bruno, che ribalta le sue certezze di bravo ragazzo. Ma l'azzardo, si sa, chi non ce l'ha nel sangue lo paga spesso a caro prezzo.

Umberto D. - Versione restaurata

17.04.2018

di Vittorio De Sica

con Carlo Battisti, Maria Pia Casilio, Lina Gennari, Ileana Simova, Elena Rea, Memmo Carotenuto

Uno dei film più famosi di Vittorio De Sica, che affronta i temi della vecchiaia e della solitudine con estremo realismo e grande umanità. Il protagonista della storia è un anziano signore, costretto a una vita di stenti dalla misera pensione dello Stato. Umberto Domenico Ferrari vive in una modesta camera in affitto e l'unico suo affetto è il cane Flik. La sua difficile situazione economica e il suo carattere schivo e orgoglioso, lo spingono a isolarsi sempre di più dal mondo. Arrivato al punto di non riuscire nemmeno a far fronte alle piccole spese quotidiane, si fa ricoverare in ospedale per avere un pasto caldo. Quando riceve lo sfratto, in preda alla disperazione, tenta addirittura il suicidio, ma alla fine continuerà ad affrontare con dignità il suo destino.

Il premio

17.04.2018

di Alessandro Gassman

con Alessandro Gassman, Gigi Proietti, Rocco Papaleo, Anna Foglietta, Matilda De Angelis, Marco Zitelli

Giovanni Passamonte, uomo cinico ed egocentrico, è uno scrittore di best seller. Quando gli comunicano che ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura, parte in auto verso Stoccolma per andare a ritirare il premio insieme a Rinaldo, suo assistente da sempre, e i figli Oreste e Lucrezia. Il viaggio si rivelerà un’occasione unica per affrontare dinamiche familiari insospettabili e conoscersi veramente.

>> Trailer

Poveri ma ricchissimi

17.04.2018

di Fausto Brizzi

con Christian De Sica, Enrico Brignano, Lodovica Comello, Lucia Ocone, Anna Mazzamauro, Paolo Rossi

Torna la famiglia Tucci, sempre più ricca e sempre più cafona ma con una passione nuova: la politica. Ai Tucci l’ostentazione del lusso non basta più, hanno capito che la vera svolta è il potere. E così decidono di indire un referendum che permetta al loro paesino di uscire dall’Italia e dichiararsi Principato. A capo di esso un uomo dalla pettinatura improbabile, un solido conto in banca, ma soprattutto molto ignorante: Danilo Tucci!

>> Trailer

Noyz Narco - Enemy

17.04.2018

Noyz Narcos è uno dei rapper più rilevanti e innovativi della scena hip hop italiana. Cruda, violenta e dalle tematiche cupe, la sua capacità di scrittura stupisce e sorprende ogni volta portando brani e album che si ritagliano a pieno diritto il loro spazio tra i migliori prodotti del genere. "Enemy", il suo nuovo (e annunciato come ultimo) album, comprende 15 canzoni no compromise destinate a fare scuola nell’underground. Nella scaletta spiccano le collaborazioni eccellenti con i migliori esponenti della scena nonché protagonisti del momento nel panorama musicale italiano.

>> Facebook

>> Video "Sinnò me moro"

Capo Plaza - 20

17.04.2018

Primo album per Capo Plaza, rapper salernitano reduce dal successo del suo singolo "Giovane fuoriclasse" e dal duetto con Emis Killa nella canzone "Serio".

>> Facebook

>> Video "Non cambierò mai"

Carmen Consoli - Eco di sirene

10.04.2018

Dopo aver conquistato pubblico e critica, arrivando ad oltre 50 date in poco più di due mesi, il live "Eco di sirene" rivive in un grande progetto discografico con 22 brani registrati in presa diretta con arrangiamenti e orchestrazioni nuove per chitarra ed archi, scritti dalla stessa Carmen appositamente per il live in studio.

Da "Parole di burro" a "Mio zio", da "L'ultimo bacio" a "AAA cercasi", passando per "Venere", "Blunotte", "L'eccezione", "A finestra", fino a "Perturbazione atlantica", "Eco di sirene", "Maria Catena", l'album raccoglie alcuni dei brani più amati della straordinaria carriera della cantantessa, riletti in una originalissima chiave acustica, tagliente ed elegante al tempo stesso.

Il progetto è arricchito da due brani inediti, spiazzanti, provocatori: "Uomini topo" e "Tano". "Uomini topo" racconta la fantastoria di un esperimento scientifico di manipolazione genetica finalizzata al rafforzamento della razza (pazienza se anche l’esperimento meglio riuscito manifesti delle rare eccezioni) mentre "Tano" riprende il filone caustico della Consoli delle canzoni in siciliano (da "Masino" a "A finestra"), narrando di un gran cacciatore di quaglie, lepri e donzelle.

>> Facebook

>> Video "Uomini topo"

Mellow Mood - Large

09.04.2018

Tre anni dopo il fortunato “2 the World”, i Mellow Mood tornano con il loro disco più bello e ambizioso, con cui mirano a confermare il loro status di band di punta del reggae europeo nel panorama mondiale, senza smettere di stupire e divertirsi. “Large” - questo il titolo del quinto lavoro sulla lunga distanza del gruppo pordenonese nato nel 2005 - è come sempre prodotto, registrato e mixato all’Alambic Conspiracy Studio da Paolo Baldini (BR Stylers, Africa Unite, Tre Allegri Ragazzi Morti) e masterizzato ad Austin, Texas, Stati Uniti, da Chris Athens (N.E.R.D., Rick Ross, Ghostface Killah, Usher, Peter Tosh...).

>> Facebook

>> Video "Large"

Riccardo Maffoni - Faccia

09.04.2018

"Faccia" è il ritorno del cantautore Rock Bresciano Riccardo Maffoni. Questo album assume le caratteristiche di un grande quadro con tante immagini facenti parte dello stesso grande disegno. Le immagini sono le canzoni, il quadro è l’album. E un quadro grande va guardato da lontano, dedicandogli il giusto tempo per mettere a fuoco tutta l’opera. Lo stesso vale per un disco, va ascoltato, messo a fuoco, percepito. Ogni canzone è un mondo a sé, ovviamente, ma ognuna di esse è legata da questa urgenza di comunicare ogni stato d’animo, dalla rabbia alla frustrazione, alla solitudine, all’abbandono, alla voglia di reagire, alla voglia di ripartire, alla voglia di esserci e non smettere.

>> Facebook

Nevruz - Il mio nome è nessuno

09.04.2018

Si intitola “Il mio nome è nessuno” il terzo e nuovo album di Nevruz, artista già noto al gran pubblico per la partecipazione ad X-Factor: accattivante esplorazione di stili e contaminazioni sonore, un emporio della musica, un museo nel quale celebrare l’incontro e la pace tra generazioni: un percorso di riscoperta dei maestri interiori, spirituali e di quelli artisticamente di riferimento. Pubblicato dalla Molto Recordings il disco si propone come un forziere ricco di brani eclettici e di grande qualità dai sentori rock, jazz, progressive, blues, pop, new wave e dalla forte matrice cantautoràle. Collaborano alla realizzazione dei brani accreditati strumentisti di fama nazionale ed internazionale.

>> Facebook

>> Video "Ibrida"

Collage - Inconfondibile

09.04.2018

Dopo i successi “Due ragazzi nel sole” (1976) e “Tu mi rubi l’anima” (1977), i Collage ritornano alla discografia ufficiale con un nuovo album per la Saar Records, casa discografica che nel 1976, con lungimiranza, li lanciò come indiscussi dominatori delle classifiche anni '70 e in cui crede fermamente anche oggi.

Un nuovo album nel classico stile del gruppo sardo che sarà in circolazione già prima dell’estate. Intanto inizia un tour radiofonico che li porterà ad essere a tu per tu con tutte i fan italiani. “Inconfondibile Stella” sarà il marchio per l’estate dei Collage.

>> Facebook

Un atomo di verità - Aldo Moro e la fine della politica in Italia

09.04.2018

di Marco Damilano

“Via Fani è stato il luogo del nostro destino. La Dallas italiana, le nostre Twin Towers. Il momento che ha cambiato tutto. Nel 1978, l’anno di mezzo tra il ’68 e l’89. Tra il bianco e nero e il colore. Lo spartiacque di diverse generazioni che cresceranno tra il prima e il dopo: il tutto della politica – gli ideali e il sangue – e il suo nulla.”

Il sequestro di Aldo Moro ha segnato la fine di una generazione, la sua morte il tramonto della Repubblica. Marco Damilano ha deciso di tornare a quell’istante, per indagare le traiettorie che, a partire da uno dei capitoli più cupi della storia italiana, si sono dispiegate fino a oggi. Con l’aiuto delle carte personali di Moro, in gran parte conservate nell’archivio privato di Sergio Flamigni e non dallo stato, e rimaste inedite, getta luce sul punto in cui la drastica interruzione di una stagione politica si incontra con le vicende personali di una generazione, che tra il 16 marzo e il 9 maggio 1978 assiste alla fine di un’epoca. Dopo via Fani, secondo Damilano, comincia la lunga fine della Prima Repubblica. Un racconto autobiografico che attraversa la dissoluzione della Dc, la morte di Berlinguer, la caduta del Muro, Tangentopoli e la latitanza di Craxi in Tunisia, fino all’ultima stagione, inaugurata dalla sua metafora televisiva: il Grande Fratello. Arriva a Berlusconi, a Grillo e a Renzi, i protagonisti di una politica che da orizzonte di senso e di speranza si è fatta narcisismo e nichilismo, cedendo alla paura e alla rabbia.

Avvoltoi - L'Italia muore loro si arricchiscono

09.04.2018

di Mario Giordano

Questa inchiesta svela per la prima volta, e con un linguaggio comprensibile a chiunque, gli interessi nascosti che stanno depredando la nostra vita quotidiana. Quello, insomma, che ogni giorno ci ruba tempo, salute, soldi e serenità. Il libro è stato scritto con una speranza: se tante persone lo leggeranno e ne parleranno, forse qualcosa potrebbe cominciare a cambiare. Gli Avvoltoi di tutti i luoghi e di tutte le epoche, infatti, hanno un unico grande alleato: l’oscurità. Portarli alla luce e guardarli in faccia significa già cominciare a sconfiggerli. O, per lo meno, cominciare a sconfiggere la tentazione di diventare come loro.

Raropiù 56 - Mensile di cultura musicale, collezionismo e cinema

09.04.2018

Raropiù N° 56 - Prima immissione: 6 aprile 2018 - Mensile di cultura musicale, collezionismo e cinema

Mia Martini - Discografia ’89-’94
Kraftwerk - Discografia ’70-’78
Blondie - Discografia ’76-’82
Daniel Sentacruz Ensemble - Discografia & Intervista
Enrico Ruggeri - Intervista
Pacifico - Intervista
Ron - Intervista
Arte in copertina - Dies Irae Formula 3
Le canzoni del cuore - Senza luce
Inserto Hit Story 20

Mannarino - Cercare i colori

09.04.2018

di Meltea Keller

Cantastorie, animale da palcoscenico, giramondo. Mannarino ha saputo diventare, da giovane promessa del panorama italiano, uno dei cantautori più interessanti degli ultimi tempi. Cresciuto nella periferia di Roma nel quartiere San Basilio, dopo una gavetta nei locali multietnici dei rioni Monti ed Esquilino ha sviluppato uno stile che mette assieme stornello, blues, cantautorato italiano, Capossela, teatro di narrazione, samba. Il suo percorso artistico parte con bar della rabbia, un disco incentrato su una serie di personaggi outsider che cercano protezione fra le mura di una calda, malfamata bettola. Nel successivo, supersantos, si esplora lo spazio alienante della grande città nel quale l’unica ancora di salvezza sono i rapporti d’amore. In al monte, considerato il suo punto di svolta, Mannarino si ferma a riflettere su alcuni temi cruciali per la nostra società al fine di cercare una via di salvezza dal malessere strisciante. Infine in apriti cielo, reduce da un lungo viaggio nell’amato Brasile, Mannarino fa sua la filosofia del samba che Vinícius de Moraes definisce “una tristezza che balla”, ma in quella tristezza racchiude “la speranza di non essere più tristi”. Parallelamente all’attività di “scrittore di dischi”, come una volta ha definito se stesso, Mannarino porta avanti da anni un’intensa attività live. Questo libro è un tentativo di ripercorrere sinteticamente la sua storia artistica e il suo pensiero.

Motta - Vivere o morire

03.04.2018

“Vivere o morire" è il secondo album del polistrumentista e cantautore toscano: attitudine rock, magrezza e nervi involti in una giacca di pelle nera, gran carattere, attitudine, voglia di essere, urgenza di dire. C’è tanta malinconica speranza in “Vivere o morire" che ha tutta la forza di una dichiarazione importante, che emana da ognuno degli elementi che compongono il disco: le immagini, il videoclip che ha accompagnato il primo contenuto inedito “Ed è quasi come essere felice”, il suono imploso e nervoso delle canzoni, il titolo, forte, senza compromessi, il desiderio dichiarato di farsi ascoltare per intero.

>> Facebook

>> Disco della settimana su rockit.it

>> Video "La nostra ultima canzone"

Sem & Stènn - Offbeat

03.04.2018

Sin dall'inizio del nostro progetto, essere autentici è stata la nostra priorità. L’esperienza mediatica di X Factor ci ha messi alla prova. Ci siamo esposti nella maniera più azzardata e autentica possibile. Abbiamo iniziato a lavorare su di noi, non solo come musicisti, ma anche come performer. La nostra idea di artista è quella di entertainer: comunicare con il proprio sound, la propria voce e il proprio corpo. Tutto questo è stato di grande ispirazione, quando è stato il momento di raccogliere le idee per il nostro primo disco.

"Offbeat" nasce dalla consapevolezza di essere tra quei pochi che amano le sfide, che non temono il giudizio, che matchano tra loro i colori primari, che considerano il divertimento un’emozione al pari delle altre. "Offbeat" vuol dire anticonformista, non convenzionale, non comune, sincopato.

>> Facebook

>> Video "Baby Run (feat. Manuel Agnelli)"

Baustelle - L'amore e la violenza Vol.2 - Dodici nuovi pezzi facili

02.04.2018

Per la prima volta nella storia della loro vita musicale i Baustelle si avventurano in un Volume 2, continuando a raccontare d’amore e di violenza. Scritto durante il tour che nell’ultimo anno li ha portati in giro per l’Italia, “L’amore e la violenza Vol.2 – Dodici nuovi pezzi facili” stringe l’inquadratura del suo predecessore portando in primo piano il racconto amoroso. Se quelle de “L’amore e la violenza” erano canzoni d’amore in tempi di guerra, storie di un’era bellicosa e senza scampo che spera nell’amore, quelli di questo Vol.2 sono, per fare il verso a un film capolavoro con Jack Nicholson del 1970, 12 pezzi facili che esplorano in modo specifico il campo d’azione centrale dell’intera storia della musica leggera italiana: quello della pura love song.

>> Facebook

>> Disco della settimana su rockit.it

>> Video "Veronica, n.2"

Maria Antonietta - Deluderti

02.04.2018

Scritto nella campagna di Senigallia dove vive, il nuovo e terzo lavoro della cantautrice, arriva dopo un album omonimo prodotto da Dario Brunori datato 2012, da "Sassi" del 2014, e la vede alla produzione insieme a Giovanni Imparato (Colombre). Nelle nove tracce che lo compongono c’è rabbia, amarezza, una certa dose di sfida e un sorriso a chiosa di tutto, un sorriso conquistato tutti i giorni.

>> Facebook

>> Video "Pesci"

Cacao Mental - Para extrañas criaturas

02.04.2018

I Cacao Mental sono una band nata a Milano ma idealmente cresciuta a Lima in Perù. La band è composta dal cantante peruano Kit Ramos, il produttore trombettista Iasko de Gama e il chitarrista Marco Pampaluna. Il loro esordio è un lavoro di dieci brani registrati allo studio Crono Sound Factory di Milano che ha dentro il profumo della foresta amazzonica e lo spirito glam della “capital ben vestida”.

Tracce originali e cover di brani tradizionali definiscono il suono dei Cacao Mental, che somma al beat elettronico new-latin le invenzioni dei tre musicisti alla voce, alla tromba e alla chitarra.

Il sound dei Cacao Mental unisce melodie e ritmi di ispirazione colombiana a melodie e arrangiamenti che ricordano la cine-music atmosferica di Morricone.

L'esordio dei Cacao Mental è la prima release ufficiale de La Tempesta SUR, imprint a tematica sud australe fortemente voluto da Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti.

>> Facebook

>> Video "El Loro y la Lora"

Francesco Forni e Ilaria Graziano - Twinkle Twinkle

02.04.2018

Una chitarra e una voce maschile, un ukulele e una voce femminile; la musica di Ilaria Graziano e Francesco Forni è un originale mix di folk, country, blues, americana e dolce vita, cantato in inglese, francese, spagnolo e italiano, un affascinante viaggio attraverso Napoli, Messico e Texas, mescolando blues, folk, country, tango argentino e canzoni napoletane.

Il nuovo album è un qualcosa di difficile da dimenticare: un continuo scambio tra il suono caldo e avvolgente della chitarra e voce di Francesco, la strepitosa vocalità di Ilaria, che sembra venire da un altro tempo e spazio e due Stomp Box a segnare il battito cardiaco dei loro brani.

>> Facebook

>> Video "Leftovers"

Bud Spencer Blues Explosion - Vivi muori blues ripeti

02.04.2018

Si tratta di un album urgente e vitale, dedicato alla vita, alla sensualità e al viaggio, incentrato su un linguaggio semplice, ma maturo e diretto. Una scelta, quella della sincerità che ha riguardato anche la produzione: "Vivi muori blues ripeti" è stato realizzato completamente in analogico; al mixer e al registratore a nastro, l'abile mano di Marco Fasolo, leader dei Jennifer Gentle. Se nel sound hanno espresso tutta la loro forza e originalità, per i testi hanno voluto coinvolgere alcune delle penne più interessanti del panorama indie rock italiano: Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti e Umberto Maria Giardini (ex Moltheni).

>> Facebook

>> Video "E tu?"